Itinerari e Sport
Chiudi
Richiedi Informazioni a tutti gli Hotel
Desideri ricevere un’offerta personalizzata o maggiori informazioni sul soggiorno? Compila i campi qui sotto, dettaglia la tua richiesta e con il click su “Invia Richiesta” invii il tuo messaggio direttamente a tutti gli Hotel Partner, che ti risponderanno nel più breve tempo possibile.

Se desideri info sulle cure e/o sul territorio, scrivi una mail a info@abano.it

Invia Richiesta
Chiudi
Condividi via E-mail
Nome
Cognome
La mia E-Mail
E-Mail del mio amico
Messaggio
Invia Richiesta
Chiudi
Condividi con gli amici
Condividi su FaceBook
Condividi via Email
Chiudi
Offerte Riservate a TE
Invia Richiesta
 

Monselice

Monselice deve il suo nome alle cave di selce che, per secoli,
sono state la sua fortuna

Adagiata ai piedi di un colle calcareo, il Colle della Rocca, che è divenuto il simbolo del borgo, Monselice racchiude numerosi tesori di epoca medievale e rinascimentale.

Primo fra tutti, il Mastio, eretto sulla cima del colle da Federico II Imperatore di Svevia: protetto da una serie di fortificazioni, di cui ancora oggi rimane traccia visibile, era un castello inespugnabile. Oggi ospita al suo interno una mostra permanente di reperti tardo medievali scoperti proprio durante le opere di recupero.

 

Il Mastio inoltre, grazie alla sua terrazza panoramica, offre ai visitatori una vista che, se le condizioni del tempo lo permettono, spazia dai Colli circostanti, alla pianura, fino a Venezia. Ai piedi del Colle della Rocca, si sviluppa il Castello Cini (o Ca’ Marcello), insieme di costruzioni erette in epoche distinte per rispondere ad esigenze prima difensive, ed in seguito abitative. Di notevole interesse la ricca Armeria, comprendente una fornita collezione di pregevoli armature.

 

Dal lato Sud della Rocca sale un affascinante sentiero denominato Sentiero Giubilare delle Sette Chiese, che, costeggiando sei cappelle ed una chiesetta ombreggiate da cipressi, porta alla seicentesca Villa Duodo. Costruita dalla famiglia veneziana dei Duodo, la Villa è affiancata dall’Esedra, monumentale scalinata dedicata a S. Francesco Saverio.

 

Di epoca tardo rinascimentale è Villa Nani Mocenigo, anch’essa costruita per volere di una famiglia veneziana e caratterizzata da una scenografica scalinata. Sul muro di cinta, inoltre, sono collocate delle curiose statue di pietra raffiguranti dei nani con chiara allusione al nome della famiglia veneziana, Nani Mocenigo, che volle la costruzione della Villa.

Più avanti si incontra il Duomo Vecchio dedicato a Santa Giustina, di impianto romano-gotico. Infine lasciando Monselice in direzione Padova, si incontra in località Rivella, Villa Emo Capodilista costruita nel tardo Cinquecento in stile Palladiano e caratterizzata da un ampio giardino all’italiana.

 
 

Giostra della Rocca

La sua origine risale al 1239, quando l'imperatore Federico II di Svevia passò per la cittadina e venne accolto da grandi festeggiamenti, che vennero ripetuti anche negli anni seguenti.
La Giostra consiste in una sfida tra le nove contrade della città: partite a scacchi, gare di forza e di abilità come il tiro con l'arco, la gara delle macine e la staffetta.
Il clou si raggiunge la terza domenica di settembre con la sfilata del Corteo Storico lungo le vie della città, cui segue nel pomeriggio la Gara della Quintana e la consegna del Palio alla contrada vincitrice.


 
 
 
 
 
 
 
© 2011-2015 Inartis Systems S.r.l. - P.I. 03554360283 - Tutti i diritti riservati