Itinerari e Sport
Chiudi
Richiedi Informazioni a tutti gli Hotel
Desideri ricevere un’offerta personalizzata o maggiori informazioni sul soggiorno? Compila i campi qui sotto, dettaglia la tua richiesta e con il click su “Invia Richiesta” invii il tuo messaggio direttamente a tutti gli Hotel Partner, che ti risponderanno nel più breve tempo possibile.

Se desideri info sulle cure e/o sul territorio, scrivi una mail a info@abano.it

Invia Richiesta
Chiudi
Condividi via E-mail
Nome
Cognome
La mia E-Mail
E-Mail del mio amico
Messaggio
Invia Richiesta
Chiudi
Condividi con gli amici
Condividi su FaceBook
Condividi via Email
Chiudi
Offerte Riservate a TE
Invia Richiesta

Come orientarsi a Venezia

Tra “calli”, “fondaci”, “rii” e “campielli”
c’è da perdere la testa. Ecco qualche suggerimento
per parlare la lingua dei veneziani

 
 
abbecedario di Venezia

Un mondo a sé stante: abbecedario di Venezia

A Venezia tutto ha un nome diverso, ecco qualche informazione
per orientarsi un po’ meglio e
 parlare la lingua dei veneziani.

 
calli campielli fondaci

Calle, callesella, calletta: piccole strade, lunghe e strette

Campo: piazza

Campiello: piccola piazza

Corte: cortile

Fondamenta: strada con un lato che dà su un canale

Fondaci: edifici che la Serenissima concedeva ai mercanti, soprattutto stranieri, per tenervi i loro uffici e magazzini, una sorta di rappresentanza commerciale del paese straniero

Nizioleti: sono circa 4000 e sono le tipiche indicazioni stradali a Venezia, dipinte in nero su fondo bianco, direttamente sugli intonaci dei palazzi

Piazza: a Venezia si usa solo per Piazza San Marco

Rio: piccolo canale

Sotoportego: parte della strada che passa sotto gli edifici

 
 
 
enogastronomia venezia

Come “orientarsi”
tra i piatti della cucina veneziana e i tipici
mercati della città:

 
enogastronomia

Bàcaro: tipica osteria di Venezia, non perdetevi il nostro tour dei più bei bàcari della città

Beccarie: macellerie

Cicchetti: tipici stuzzichini dei bàcari che offrono nelle più diverse varianti assaggi di pesce e affettati adagiati su croccante pane fresco, ma anche polpettine, paninetti, pesce fritto e molto molto altro

Erbaria: antico mercato di frutta e verdura di Rialto

Fegato alla veneziana: fegato di maiale (seconda la tradizione) addolcito con cipolla bianca di Chioggia e ingentilito da un bagno di aceto

Ombra de vin: bicchiere di vino, da accompagnarsi rigorosamente a un cicchetto

Pescaria: mercato del pesce a Rialto, la più grande pescheria di Venezia, dove da secoli i veneziani girovagando tra le animate bancarelle trovano il pesce più fresco ed economico della città

Risi e bisi: risotto con pisellini cotti al tegame. I piselli, primizia primaverile, erano di buon auspicio e il piatto divenne celebrativo per la Repubblica. Il 25 aprile infatti, festa di San Marco, il Doge salutava il popolo affacciandosi da Palazzo Ducale con in mano un piatto di risi e bisi.

Risotto del Doge: la leggenda vuole che fosse il piatto preferito di Casanova, il famoso seduttore, ed è un delizioso risotto con ostriche e vino bianco

Sarde in saor: gustoso antipasto di sarde fritte servite con cipolle cotte con aceto e caramellate, pinoli e uvetta

 
sestieri

I sei sestieri di Venezia
e le loro meraviglie

Consigli per “perdersi” tra le calli veneziane senza “perdere”
i capolavori della città »

 

Andar per bàcari

Le tipiche osterie della città ancora oggi sono meta di veneziani e “foresti”,
per vivere la tradizione locale anche dal punto di vista
dell’enogastronomia »

 
 
 
 
 
 
 
 
 
© 2011-2015 Inartis Systems S.r.l. - P.I. 03554360283 - Tutti i diritti riservati