Itinerari e Sport
Chiudi
Richiedi Informazioni a tutti gli Hotel
Desideri ricevere un’offerta personalizzata o maggiori informazioni sul soggiorno? Compila i campi qui sotto, dettaglia la tua richiesta e con il click su “Invia Richiesta” invii il tuo messaggio direttamente a tutti gli Hotel Partner, che ti risponderanno nel più breve tempo possibile.

Se desideri info sulle cure e/o sul territorio, scrivi una mail a info@abano.it

Invia Richiesta
Chiudi
Condividi via E-mail
Nome
Cognome
La mia E-Mail
E-Mail del mio amico
Messaggio
Invia Richiesta
Chiudi
Condividi con gli amici
Condividi su FaceBook
Condividi via Email
Chiudi
Offerte Riservate a TE
Invia Richiesta

I simboli di Venezia

Il Leone di San Marco, il ferro da gondola,
il Bucintoro…

Simboli secolari di Venezia, conosciuti in tutto il mondo.
Scoprine la storia
e i significati nascosti

“ Desponsamus te, mare.
In signum veri perpetuique dominii “

”Ti sposiamo, mare.
In segno di vero e perpetuo dominio”

(Lo Sposalizio di Venezia: il Doge getta in mare l’anello d’oro.)

 
 
 
leone di venezia   ferro da gondola   bucintoro
foto: Naya Carlo (1816-1882)
         

Il Leone di San Marco: l’emblema della Serenissima

Il simbolo di Venezia e della Repubblica Serenissima è il leone alato, ma forse non tutti sanno che esso è la raffigurazione simbolica dell’evangelista San Marco, la cui salma fu portata a Venezia da due mercanti veneziani da Alessandria d’Egitto. Il leone alato di solito è rappresentato con un’aureola, una spada e un libro sotto la zampa anteriore destra. Nell’iconografia cristiana il leone simboleggia la forza della parola dell'Evangelista, le ali l'elevazione spirituale, l'aureola la santità.

Curiosità: non si sa quando venne adottato come simbolo della Repubblica, ma da sempre questo animale, emblema di maestà e potenza, ha esercitato un forte fascino sui veneziani: nei giardini dei palazzi cittadini infatti si tenevano leoni veri, all’interno di grandi gabbie, e nel 1316 una leonessa partorì dei piccoli nel cortile di Palazzo Ducale, suscitando grande stupore tra i veneziani.

 

Il ferro da Gondola:
l’antico logo di Venezia

Il ferro da prua della Gondola serve a bilanciare il gondoliere posto a poppa, ma esso simboleggia anche l’essenza stessa di Venezia, fornendo la rappresentazione stilizzata della città. Iniziando dalla sommità del ferro da gondola si riconosce distintamente la foma del Corno ducale, il copricapo del Doge. Sotto un arco sta a simboleggiare il Ponte di Rialto, mentre la forma ad S evoca il Canal Grande. I sei rostri allineati sulla parte frontale indicano la divisione della città nei suoi sei sestieri (San Marco, Castello, Cannaregio, Dorsoduro, Santa Croce e San Polo), quello rivolto all’indietro rappresenta la Giudecca. Tra i rostri frontali a volte sono inserite tre piccole forme, assomiglianti a dei merletti. Indicano le tre più grandi isole della laguna, Murano, Burano, Torcello.

 

Il Bucintoro:
la perduta nave del Doge

Il burcio d’oro del Doge simboleggiava la massima potenza e lo splendore della Serenissima, tanto che Napoleone lo distrusse nel 1798 in atto di scherno verso la caduta Repubblica e fece bruciare le sontuose decorazioni di cui era addobbato per ricavarne l’oro. La ricchissima nave guidava la lunga processione di imbarcazioni che nel giorno dell’Ascensione di Cristo (9 maggio) raggiungeva S. Elena all'altezza di San Pietro di Castello. Qui il Doge veniva benedetto dal Vescovo e proseguiva poi verso la Bocca di Porto dove avveniva il vero e proprio rito propiziatorio: lanciando il suo anello dorato nelle acque delle laguna, Venezia sposava il mare.

Curiosità: ancora oggi, dopo più di mille anni, la Festa della Sensa (Ascensione) celebra lo speciale rapporto di Venezia col mare. Lo sposalizio del mare torna ad incantare veneziani e curiosi. Un evento suggestivo che tra qualche anno probabilmente vedrà anche il ritorno del famoso gioiello perduto: grazie alla Fondazione Bucintoro e a ben 600 tronchi donati dai francesi un ambizioso progetto, sposato anche dall’Unesco, porterà nuovamente la nave d’oro a solcare le acque della laguna veneziana.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
© 2011-2015 Inartis Systems S.r.l. - P.I. 03554360283 - Tutti i diritti riservati